Domande e informazioni sul coaching

Craig: Sicuramente ti piace usare le domande come strumenti in modo che tu possa direttamente porre domande agli studenti presentandoli con qualche tipo di sfida o indurli a formulare le loro domande. Quindi questa idea di domande è uno strumento, da quanto tempo hai avuto questa idea e potresti riportarmi a un punto in cui, Ville non aveva l’idea di usare le domande e come sei passato da quella versione di te all’attuale? versione di te?

Ville: È una buona cosa. A scuola, ero solito sapere tutto, come un bambino davvero fastidioso, lo so tutto, e ho pensato che forse tornando all’idea del successo ho pensato che fosse la risposta giusta a tutto. Mi piace ancora ma mi piaceva davvero essere corretto; avendo ragione Avere le giuste conoscenze ma poi credo che nella formazione parkour e di essere un allenatore, sono un cattivo allenatore se ho sempre ragione. Se salgo la persona e dico loro, “Ok, questo è il modo in cui devi farlo. Questo è il modo corretto di farlo”. E lentamente, immagino, attraverso l’insegnamento, anni di insegnamento, si è evoluto in come posso facilitare il processo per lo studente e senza di me essere lì, il fastidioso sapere tutto.

Craig: stai solo meglio, giusto?

Ville: Sì. Basta dire meglio, okay, questo è esattamente come lo fai e poi diventi fantastico. No, non è molto divertente per le persone o non sta insegnando loro il processo di scoperta di sé e trovare la forza.

Craig: Perché non è la risposta che ti rende migliore. È il viaggio per trovare la risposta che ti ha reso migliore.

Ville: Quindi è una specie di sfida personale per me con la tendenza ad essere davvero corretto nel cercare di non dare risposte. Prova a pensare alle buone domande per gli studenti e poi quando comincio a farlo e quando ho iniziato a fare sempre di più nel mio insegnamento, avendo questo un punto di partenza, quel tipo esplorativo di laboratorio sperimentale sento le cose, ho sentito più connesso con gli studenti e poi ho iniziato a riflettere che anche nella mia pratica, riguarda, non ho bisogno di avere conoscenze o informazioni fattuali sull’addestramento che sto facendo o sulla tecnica corretta. Le cose più interessanti vengono fuori quando pongo una domanda e lascia che mi porti da qualche parte, sia che si tratti di un puzzle di movimento o posso tirare fuori qualcosa come un progetto. Come quello che succederebbe se avessi un punto di partenza interessante e poi mi chiedessi solo “Okay, cosa succede dopo?”

Private community…

The private Movers Mindset community is a high-fidelity, curated space for the free exchange of ideas. In social media, you are the product which is being monetized. The community is funded entirely and directly by you so there’s no incentive for us to mess it up by catering to advertisers. The incentive is for us to cater to you.

In the Movers Mindset community we publish curated content related to Parkour, Art du Déplacement, free-running, and movement practices in general; From links to cool movement videos, to scholarly work on kineseology and everything in-between. We publish exclusive podcast show notes that enable members to get the most out of each episode, and we help the entire community cultivate excellent discussions about all of those things.

Learn more about joining the Movers Mindset community!