Tre parole per descrivere la tua pratica

Craig: E, naturalmente, l’ultima domanda, tre parole per descrivere la tua pratica.

Georgia: Lotta. Sì, lotta. Amore. So che suona sdolcinato, ma ama non nel senso di amare te stesso, ma anche l’amore che ho trovato in esso, le persone, l’attuale comunità di persone che ho incontrato. Ci sono un sacco di persone che ho incontrato e che ti senti come se avessi incontrato così tante persone con così tante connessioni, ma ho creato una famiglia attraverso di essa, ho avuto un partner attraverso di essa, ho ha avuto alcuni dei miei migliori amici. Quindi l’amore è sicuramente qualcosa che ho trovato.

Quindi la terza parola, e questo è più che altro per descrivere la sensazione che provo quando mi lascio stare, sta volando. Quindi, quando a volte si presenta molto quando ci alleniamo e cose del genere, o quando qualcuno parlerà di un movimento o di un salto che sto facendo, ed è come, guardo indietro e tu sei tipo “Ah , Mi sento come se stessi volando “. Non è il senso solo perché ho fatto un grande salto o qualcosa del genere, ma quando senti quella sensazione di te sei tu, hai deciso di fare qualcosa, ci provi e hai lasciato entraci dentro, ti senti come se stessi volando.

Coaching

Georgia:
  Il coaching è stato un viaggio in sé. Prima pensavo che il coaching fosse piuttosto semplice, quindi continui. Sono andato in giro per casa e mi sono detto: “Oh sì, sì, va bene, puoi farlo.” E assistente di coaching, puoi facilmente toccare le cose e aggiungere.
  
  Craig:
  Sì, è completamente diverso.
  
  Georgia:
  Questo non è il caso! Questo non è il caso! Nell’interpretazione, è davvero una questione di te in questo senso. Puoi lavorare come una squadra e così. Ma in molti lavori di performance, riguarda te. Lo fai, fai il tuo lavoro, sai cosa puoi fare, conosci i tuoi limiti.

Continue Reading…

Meet the team: Miguel

It is a true privilege to be able to listen, really listen, to the stories of such incredible individuals that Movers Mindset brings to each episode. Everyone has a story and with so many distractions all around, it has become more difficult than ever to just sit and connect with someone for a moment. Movers Mindset shows the true value of conversation and serves as a reminder that stories, are our most powerful tools.

~ Miguel – Pieces together all things audio


Paura ed eccitazione

Georgia:
  Penso, provando a pensare a un’esperienza, quando ho paura di qualcosa, ciò che ho in testa non è davvero chiaro, o almeno non ora. È ancora qualcosa che pratico ancora molto e imparo a parlare meglio con me stesso. Per me, quando ho paura, ci sono sempre due voci nella mia testa. Chiunque cerchi di fermarmi o salvarmi in un certo modo. E poi l’altro che conosce meglio, chissà se sono davvero capace o no. Ho sempre problemi a distinguere i due a volte.
  
  Georgia:
  Proveniente da un luogo in cui la fiducia in me non è ancora molto elevata, immagino molto. Quindi posso dire “Oh, ok, ne ho paura, ne ho paura.” Alcuni giorni, saprò in me stesso, “Ah, lo so di aver paura, ma posso farlo, posso farlo.” E penserò alle esperienze. Altri giorni, non ricordo un’altra esperienza identica. Ed è allora che arrivano anche le persone intorno a me.

Continue Reading…

Perché non posso giocare?

Georgia:
  In effetti … Beh, me lo ricordo un po ‘di più da quando ho recentemente trovato uno dei miei giornali nel mio cassetto. Quindi molte delle mie cose sono a casa di mia madre. Li stavo attraversando e ho trovato questo piccolo giornale accartocciato in fondo al mio cassetto. Quindi ho iniziato a leggerlo. E infatti, erano i momenti precedenti e quando ho trovato il parkour, quando ho iniziato. Quindi, immagino di poterne usare un po ‘per aiutare.
  
  Georgia:
  Innanzitutto, un po ‘di storia della mia famiglia. Sono cresciuto, ero la figlia di un papà. Sono cresciuto con due fratelli più grandi, ed entrambi si sono comportati bene nel senso che erano abbastanza intelligenti, molto bravi negli sport e cose del genere. Quindi, da giovane, volevo aspirare a essere migliore di loro, forte come loro, o qualcosa del genere.

Continue Reading…